Ran 630 fa tappa sull’isola di Capri

L’evento porta la firma anche dello Yacht Club Capri che risulta essere tra gli organizzazioni di una delle regate più attese dell’anno

Tappa che vince, non si cambia. Il Ran 630 concede quindi la replica passando proprio sull’isola di Capri nel corso della prossima edizione in programma dal 23 aprile al 1 maggio 2024. La regata d’altura, organizzata dallo Yacht Club di Livorno inseme all’Accademia Navale e la Sezione Velica Marina Militare di Livorno “Riccardo Gorla”, porta la firma anche dello Yacht Club Capri che offre il suo consueto supporto nella gestione dell’appuntamento. Uno dei più attesi di una stagione che sta finalmente per partire. Dal 2021 l’associazione fa parte della famiglia del Ran 630, regata che passerà vicino alla boa di Capri per poi tornare verso Livorno dove è previsto il traguardo. 

Come già è avvenuto nel 2023 la boa sarà presente in mare a pochi passi da Marina Piccola dove ad attendere i partecipanti saranno i colossi rocciosi e maestosi dei Faraglioni. In quell’occasione sarà assegnato il Trofeo Terra delle Sirene che andrà al primo in tempo reale a transitare davanti all’isola.  La regata d’altura di 630 miglia passerà inoltre per le principali località italiane tra cui Livorno e Porto Cervo. Secondo quanto previsto dal cronoprogramma dell’evento la partenza sarà preceduta da un colpo a salve di una Unità della Squadra Navale della Marina Militare previsto al tramonto del 24 aprile. Dopodiché le barche perseguiranno la corsa monitorati costantemente dalla Centrale Operativa del Comando in capo della Squadra Navale che si occuperà di garantire ai concorrenti le migliori condizioni di sicurezza.

Le iscrizioni alla regata dovranno pervenire entro il 24 marzo 2024 alla segreteria Yacht Club di Livorno, ma già da ora si possono annunciare i primi nomi di chi prenderà parte ufficialmente alla manifestazione. Tra le imbarcazioni a vela della Marina Militare ci sarà Gemini e un Prima classe IOR del 1983 progettato da Andrea Vallicelli. Tra i velisti che hanno scelto di aderire ci saranno alcuni nomi piuttosto conosciuti nel mondo della vela: l’australiano Mitch Booth, due volte medaglia olimpica sul Tornado, sarà con Pietro D’Alì sul Cookson 50 Kuka di Franco Niggeler, Dario Noseda sarà skipper del Sintesi 36 Kokopelli della ASD Acquaaria.

Riccardo Lo Re

Credits: Emran Yousof Unsplash

I nostri social