Anacapri Sport Festival

Anacapri Sport Festival, una giornata dedicata ai giovani

Per la Giornata Internazionale dello Sport per lo sviluppo e la pace in programma il 6 aprile un evento tutto dedicato ai ragazzi

Lo sport come occasione di crescita e di sviluppo. È questo l’obiettivo proposto da Anacapri Sport Festival, un appuntamento nato dalla sinergia tra il Comune di sopra e il Forum dei Giovani di Anacapri. Questa prima edizione coincide con la Giornata Internazionale dello Sport per lo sviluppo e la pace proclamata il 6 aprile dall’Organizzazione delle Nazioni Unite. Una data scelta con molta attenzione dai promotori che si sono posti il problema su come aumentare la consapevolezza di praticare attività sportiva. L’ONU stesso, istituendo questa data, ha voluto riconoscere il valore dello sport non solo come momento di condivisione, ma anche come strumento che possa portare al cambiamento sociale.

Sport e solidarietà

Il gioco infatti è un concetto complesso, fatto di regole da rispettare e di valori che devono sconfinare per forza nella nostra idea di società civile. Un modello che intrattiene, certo, ma che è in grado di trasmettere qualcosa che non si può trovare altrove. Una partita di calcio, un grande slam del tennis, le discipline che completano i cerchi dei giochi olimpici, estivi e invernali. In certe occasioni il mondo si ferma quando i riflettori si accedono mostrano le gesta degli atleti professionisti, instaurando un legame basato sulla competizione e sulla tolleranza verso ogni Paese. La solidarietà e l’integrazione sono molto spesso delle parole che sono arrivate ben prima su questi campi, ed è su questo che Anacapri Sport Festival cercherà di partire con questa prima edizione che si svilupperà durante la giornata del 6 aprile.

Il programma

Anacapri Sport Festival si articolerà in due parti. La mattina sarà totalmente rivolta ai giovani studenti delle scuole dell’isola di Capri: l’istituto Comprensivo Statale “Vincenzo Gemito” e Scuola Primaria Paritaria “Padre Ludovico da Casoria”. I ragazzi saranno seguiti da dei responsabili durante tutta l’attività, e dovranno compiere una sorta di percorso a tappe simile al gioco del Monopoli, ma con al centro le discipline promosse dalle varie società sportive.
La seconda parte invece, sarà invece rivolta a tutti, e prevedrà delle lezioni o delle dimostrazioni suddivide a seconda del tipo di gioco presente. Si potrà imparare l’arte degli scacchi, tirare con l’arco oppure provare per la prima volta l’arrampicata, la vela e le arti marziali. O, perché no, il ciclismo e l’atletica, visti i risultati recenti alle scorse olimpiadi. Se invece si vuole puntare sul gioco di squadra, si potrà fine provare il calcio maschile e femminile, il basket o la pallavolo. Per allenare il corpo si potrà invece seguire delle lezioni di danza, pattinaggio, ginnastica ritmica o yoga.

Riccardo Lo Re